Sono cresciuto nella mia amata Puglia, il sole, la campagna, il mare, gli alberi di ulivo e i vitigni sparsi in tutto il nostro fantastico territorio.

Ricordo quando ero piccolo e con i miei genitori andavamo a trovare amici in campagna, una sensazione di libertà, di aria pulita, di storia dei miei nonni e la storia della Puglia.

Vedevo questi piccoli alberelli che si intorcigliavano come due piccoli amanti e mi piaceva ammirarli, senza sapere che poi proprio loro davano vita al mio amato Primitivo, il vino che rimarrà sempre in cima alle mie preferenze, per svariati motivi.

Si dice sia nato a Gioia del Colle, la mia Città, per il suo corpo unico, il suo calore che si riflette con quello Pugliese, il suo tannino morbido e vellutato, il suo colore intenso e la complessità di profumi.

Un vino che riempie il palato.
Un vino unico, prodotto con le mani dei nostri contadini, direi i veri contadini. Chi meglio di un Pugliese può conoscere il lavoro nei campi e i suoi segreti rispettando la nostra natura?

Perchè la puglia è ancora natura, è ancora mare cristallino, e sempre sarà la terra del nostro Primitivo.

L'autore

antonello nicastri

Antonello Nicastri

Gestisce il blog Wine and extra virgin oil

Cerca

Seguici su Facebook